STAS – Museo della ceramica d’uso a Corneto

Centro Storico

STAS – Museo della ceramica d’uso a Corneto

Palazzo dei Priori

Il Museo della Ceramica è ospitato nel Duecentesco Il Museo della Ceramica è ospitato nel Duecentesco Palazzo dei Priori, sede della Società tarquiniense d’Arte e Storia (STAS), ed espone, chiarendone la funzione, i materiali rinvenuti nei “butti” del Palazzo (uno situato di fronte all’entrata del Museo e a tutt’oggi visibile) e i reperti della Collezione Cultrera (archeologo fondatore e primo presidente della STAS), ritrovati in scavi non controllati nel centro storico di Tarquinia tra il 1993 e il 1995.
Il primo allestimento risale al 1993, ma nel 2011 il Museo è stato completamente rivisto ed arricchito di nuovi reperti, prendendo il titolo di “Reperti dei butti di Palazzo dei Priori: dal restauro all’esposizione”. Esso vede, in esposizione permanente e disposti su due sale, oltre 300 reperti tra ceramiche, monete, vetri, gioielli, oggetti in bronzo e in osso lavorato, utensili in ferro, oggetti d’uso quotidiano e di decoro. Questi oggetti testimoniano lo stile di vita e la quotidianità delle persone che in quel lontano Medioevo abitarono nel Palazzo e sono comunque riflesso della storia di Corneto tra XIII e XVIII secolo.
Nel Museo è visibile anche la ricostruzione di una cucina portata alla luce nel 2005 nel corso di scavi in Piazza del Duomo, appartenente all’avancorpo del palazzo della famiglia romana dei Savelli. Addossati al poderoso basamento di una torre, erano alcuni ambienti tra cui la cucina seminterrata di cui si conservavano il piano di cottura con la legnaia, sotto la quale ricadeva un pozzo di butto, ricco di reperti di diversi natura. Sono state distinte due fasi costruttive, precedenti la distruzione del palazzo, avvenuta verso la fine del ‘600: una più antica del XII-XIV sec., periodo di massima affermazione della famiglia per i suoi legami con il papato, e una recente, tra XV e XVII sec., in cui si assiste alla ristrutturazione del complesso. La cucina ricostruita vuole suggerire al visitatore l’aspetto originario e, al contempo, simulare l’atmosfera di un ambiente di vita quotidiana e richiamare aspetti della storia e della cultura di Corneto in età rinascimentale.
Da segnalare anche la presenza di due piccolissimi lembi di velo chiaro tempestato da minuscole spille d’oro lucente, lavorato a forma di fiocco a tre nodi, che appartennero in vita e in morte alla madre di Napoleone Bonaparte, Maria Letizia Ramolino, che venne sepolta a Corneto nella chiesa delle monache passioniste dove rimase fino al 1851, quando, per volere del nipote imperatore, Napoleone III, insieme alla salma del fratello porporato, il Cardinale Flesch, fu trasferita nella cappella imperiale di Ajaccio. Al momento, il velo è in restauro.

Archivio
L’archivio ospita i carteggi e la corrispondenza Cardarelli, raccolti nel “Centro Studi Cardarelliani”, gli archivi e vari nuclei di documentazione privata relative ai secc. XIV e XX riguardanti le famiglie cornetane dei Falzacappa, Guaglia, Bruschi e Falgari, i protocolli del notaio Tommaso di Leonardo del ‘500, i registri parrochiali del ‘600, le cronache, tra cui quelle di Muzio Polidori, e le memorie dei processi per i moti del 1848-49 a Corneto.

www.artestoriatarquinia.it

Orari di apertura del Museo
Lunedì – mercoledì – venerdì 9.00-13.00 – 16.30-19.30
Sabato: 9.00-13.00

Scopri cosa puoi Visitare

Etruschi

Mare

Storia

Natura

Cerchi un ristorante
o un soggiorno?

Dove Mangiare

Cerchi un posto dove mangiare? Scegli tra i diversi ristoranti del centro storico, gli agriturismi o i locali sul lungomare di Tarquinia. Una lista di strutture pronte a soddisfare ogni palato!

Dove Dormire

Che sia un hotel, un bed & breakfast o un appartamento, a Tarquinia troverai sicuramente la soluzione più adatta alle tue esigenze. Clicca e scopri cosa fa al caso tuo!

News

Madonna di Valverde

Madonna di Valverde

Il mese di maggio è in onore della Madonna Santissima di Valverde, Patrona di Tarquinia, alla quale è dedicato un antico Santuario in città.

Io pittore per caso

Io pittore per caso

Io pittore per caso dove creatività e talento prendono vita in questa manifestazione artistica aperta a tutti, nessuno escluso.

DiVino Etrusco

DiVino Etrusco

Il connubio tra vino e cultura a Tarquinia prende il nome di DiVino Etrusco. Il percorso enogastronomico si snoda lungo le vie del centro.

Instagram

Facebook

Comune di Tarquinia

Assessorato al turismo
C.F. E P.IVA 00129650560
Pubblica istruzione, Sport
Turismo, Attività culturali

Piazza Matteotti, 06 – 01016 Tarquinia (VT)
Telefono: (+39) 0766 849224
Email: comune.tarquinia@comune.tarquinia.vt.it
https://www.comune.tarquinia.vt.it/it-it/home

Info Point

I.A.T. Informazione Accoglienza Turistica

Barriera San Giusto – 01016 Tarquinia (VT)
Telefono: (+39) 0766849282
Email: info.turismo@tarquinia.net

Contattaci

4 + 15 =

Fotografie di: César Vásquez Altamirano, Tiziano Crescia, Roberto Romano, Sailko Creative Commons Attribution 3.0 Unported, Paolo Monti